Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Geert Wilders, leader del Partito della libertà olandese.

KEYSTONE/EPA ANP/ROBIN VAN LONKHUIJSEN

(sda-ats)

"Dall'immigrazione all'economia, non voglio che altri decidano il nostro destino", "l'Unione (europea) non serve nemmeno a conservare la pace: per questo c'è l'alleanza atlantica".

Lo afferma al Messaggero, Geert Wilders, leader del Partito della libertà, a pochi giorni dal voto in Olanda.

"L' Europa non è riformabile - spiega Wilders - . L'Europa è un'unione politica, così è stata costruita, è la sua natura, resterà per sempre un'unione politica, qualsiasi riforma o cambio di direzione ci spossa essere. E questo non va bene, è inaccettabile. Invece di riformare, o di discutere, o di trovare un accordo, è molto più semplice ed efficace riprenderci il potere che ci appartiene. Io voglio essere responsabile del mio destino - aggiunge -, non posso accettare che altri decidano per me, che si tratti di politiche dell'immigrazione, di chi deve o non deve entrare in casa mia, di economia, di tutto. Possiamo lavorare insieme con gli altri Paesi europei. Questo senz'altro. Come fa la Svizzera. Un rapporto di cooperazione che funzionerà benissimo".

"L'euro, come pure l'Unione europea - sottolinea Wilders -, sono come alla fine dell'Impero romano. La fine è già cominciata. Tra pochi anni non esisteranno più. Non so quanto tempo ci vorrà perché crollino, due anni, forse dieci, ma questo avverrà. L'Europa, come insieme di Stati, è la mia casa, il mio continente, il posto dove vivo. Ma non l' Unione europea in quanto organizzazione politica e burocratica. Di questa ci possiamo e ci dobbiamo liberare".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS