Navigation

Oltre 50 anni dopo si valuta riapertura caso morte Malcolm X

L'attivista fu ucciso nel 1965. KEYSTONE/AP/EDWARD KITCH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2020 - 18:45
(Keystone-ATS)

Oltre 50 anni dopo potrebbe riaprirsi il caso sulla morte di Malcolm X, grazie ad una serie-documentario in onda su Netflix. L'attivista per i diritti umani e leader nella lotta degli afroamericani fu assassinato a Manhattan il 21 febbraio del 1965 a soli 39 anni.

Per la sua morte furono condannati tre uomini, Mujahid Abdul Halim, conosciuto sia come Talmadge Hayer che come Thomas Hagan, Muhammad Abdul Aziz noto come Norman 3X Butler e Khalil Islam conosciuto come Thomas 15X Johnson.

Tuttavia secondo quanto si evince dal documentario Who Killed Malcolm X? (Chi ha ucciso Malcolm X?) due dei condannati non erano neanche sul luogo del delitto. Quanto basta per spingere il procuratore di New York Cyrus Vance Jr ad iniziare un'indagine preliminare per valutare se ci sono gli elementi per riaprire il caso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.