Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ombudsman delle banche svizzere ha trattato 2'002 casi l'anno scorso, l'8% in meno del 2013. Ciò a causa di un forte calo dei reclami legati alle retrocessioni. In aumento invece le richieste di clienti stranieri.

In un anno, la proporzione di domande provenienti da altri paesi è passata dal 33 al 42% del totale, ha indicato oggi ai media a Zurigo l'ombudsman Marco Franchetti. Il fenomeno si spiega, in particolare, con problemi inerenti agli accordi fiscali, le spese fatturate ai residenti all'estero e lo scioglimento della relazione da parte della banca.

Nel 2014, l'organo di mediazione ha evaso complessivamente 887 casi per iscritto ed è intervenuto presso gli istituti in 275 di essi, pari a una quota del 31%. Nonostante l'aumento delle richieste di clienti esteri, la maggioranza proveniva dalla Svizzera tedesca (45%). La Romandia aveva una quota dell'11% e il Ticino al 2%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS