Navigation

Omofobia: discriminazione di genere è illiberale

I giovani di tutti i partiti, tranne l'UDC, sono contro l'omofobia. KEYSTONE/ML ASU CGR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2020 - 13:51
(Keystone-ATS)

In un paese liberale come la Svizzera non c'è posto per la discriminazione di genere. Per questo i giovani di tutti i partiti (senza UDC) si sono uniti per combattere l'omofobia in vista della votazione del 9 di febbraio.

Il quell'occasione il popolo dovrà decidere se vuole estendere oppure no la norma antirazzismo.

"È nostro dovere fissare dei paletti e chiarire che la discriminazione non è tollerabile", ha affermato oggi davanti ai media Tobias Vögeli, co-presidente dei giovani Verdi liberali. Omosessuali e bisessuali sono membri alla pari della nostra società.

Matthias Müller, presidente dei giovani PLR, ha ribadito: "Liberalismo significa libertà e uguaglianza di ogni cittadino del Paese". Quando certe persone vengono umiliate perché diverse, allora questi valori vengono meno. "Non è tollerabile che persone vengano aggredite a causa del loro orientamento sessuale". Quando ciò accade, allora è già troppo tardi.

L'odio non è un'opinione, hanno sottolineato dal canto loro i giovani PPD, Evangelici e Socialisti. Attualmente non ci sono mezzi legali per proteggersi da appelli all'odio su Facebook, in cui per esempio s'invita a violentare le lesbiche per riportale sulla retta via.

L'estensione della norma antirazzismo non imbavaglierà la libera espressione delle opinioni, purché quest'ultime non intacchino la dignità umana o neghino i diritti a determinate categorie di persone, ha affermato il co-presidente dei Giovani Verdi Luzian Franzini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.