Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In futuro l'omofobia dovrebbe essere perseguibile penalmente come il razzismo. Ne è convinta la Commissione degli affari giuridici degli Stati (CAG-S) che ha approvato con 11 voti a 1 un'iniziativa parlamentare in tal senso.

Il testo, che è stato inoltrato dal consigliere nazionale Mathias Reynard (PS/VS), ha già ricevuto l'avallo della Camera del popolo durante la sessione primaverile (103 voti a favore e 73 contrari).

Al Nazionale, Reynard aveva invitato il plenum a non banalizzare l'odio omofobo, atteggiamento che a suo avviso ha gravi conseguenze. Un omosessuale su cinque tenta infatti il suicidio.

La legislazione attuale non consente di combattere le affermazioni omofobe espresse in termini generali. Un gay o una lesbica non può per esempio avvalersi dell'infrazione all'onore nei suoi confronti per affermazioni discriminatorie indirizzate alla comunità omosessuale, aveva argomentato.

Per l'UDC, invece, la legislazione attuale è sufficiente: la diffamazione, la calunnia e l'ingiuria sono considerati reati contro l'onore e sono sanzionati dal codice penale, così come la violenza fisica e le minacce. Invece di completare il Codice penale sarebbe meglio puntare su campagne di sensibilizzazione, aveva sostenuto nel dibattito alla Camera del popolo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS