Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono circa 15 milioni i bambini che ogni anno nascono pretermine, e le complicazioni che ne derivano possono essere pericolose, tanto da rappresentare la principale causa di morte sotto i 5 anni. Solo nel 2013 quasi un milione di neonati è morto per questa ragione.

A rilevarlo è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha pubblicato delle nuove linee guida con raccomandazioni sugli interventi da fare per prevenire complicazioni e conseguenze di un parto prematuro.

Senza un trattamento appropriato infatti, chi sopravvive a queste complicazioni, ha un maggior rischio di disabilità e di avere una peggiore qualità di vita. Ecco perché l'Oms raccomanda di intervenire sulla madre, quando la nascita prematura è imminente, e sul neonato subito dopo il parto, in modo da migliorare le sue condizioni.

A tale proposito le linee guida indicano una serie di interventi chiave che aumentano le possibilità di sopravvivenza e le condizioni di salute dei neonati prematuri. Tra queste ci sono per la madre, ad esempio, iniezioni di steroidi prima della nascita, antibiotici da somministrare quando si rompono le acque, e l'uso di solfato di magnesio per prevenire problemi neurologici nel bambino.

Per il bambino invece, l'Oms raccomanda di tenerlo al caldo, usare ossigeno sicuro e alcuni farmaci che lo aiutino a respirare più facilmente. Questi interventi tra l'altro sono stati inseriti anche nella strategia globale per la salute di madri, bambini e adolescenti, che sarà lanciata il prossimo settembre.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS