Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Negli ultimi 25 anni la mortalità delle donne nel mondo per cause legate alla gravidanza si è dimezzata, ma ancora oggi ci sono 303'000 morti per complicazioni che si verificano in gestazione o meno di sei settimane dopo il parto.

Lo afferma un rapporto di Oms, Unicef, Onu e Banca Mondiale presentato oggi e pubblicato su Lancet.

Nonostante i progressi, sottolinea il documento, solo nove paesi hanno raggiunto l'obiettivo del millennio di ridurre del 75% le morti materne entro il 2015.

I due terzi di questi eventi si verificano nell'Africa subsahariana, mentre la zona del mondo con i progressi più consistenti è l'Asia orientale, che ha visto una caduta del tasso del 75%.

"Come abbiamo visto per tutti gli altri obiettivi del millennio legati alla salute - commenta Geeta Rao Gupta, vicedirettore esecutivo dell'Unicef - l'educazione delle donne e delle ragazze, in particolar modo delle più marginalizzate, è la chiave per la loro sopravvivenza e per quella dei loro bambini. L'educazione fornisce loro le conoscenze per sfidare pratiche tradizionali che mettono in pericolo loro e i loro figli".

Attualmente il tasso globale di mortalità materna è di 216 ogni 100'000 bimbi nati, e un nuovo obiettivo dell'Onu prevede di scendere a 70 entro il 2030. "Per far ciò - sottolinea però Gupta - dobbiamo triplicare il ritmo a cui scende rispetto a quello attuale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS