Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Debellare l'Aids entro il 2030 "è ormai possibile. Dipende dalla nostra volontà". Lo ha dichiarato il presidente della Confederazione Didier Burkhalter ieri a New York in occasione di un convegno organizzato da Svizzera e Ghana a margine dell'Assemblea generale dell'Onu.

"Conosciamo l'epidemia dell'Aids. Sappiamo come prevenire le infezioni dell'HIV e come trattare la malattia", ha sottolineato. E nonostante ciò l'Aids resta la principale causa di mortalità nel mondo fra i giovani e le donne, ha aggiunto.

Il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha deplorato il fatto che nel mondo ogni minuto una donna contragga l'HIV. "La gioventù è il futuro del mondo, le giovani sono le madri di domani", ha detto.

Ha poi puntualizzato che la soluzione è la lotta contro le violenze alle donne, in particolare "nei contesti di guerra". "La sola via percorribile per raggiungere il nostro scopo è agire in modo coordinato", ha aggiunto Burkhalter. Ha quindi proposto agli Stati di fissare degli obiettivi negli ambiti dell'educazione, dell'uguaglianza dei sessi, dell'alimentazione e della sicurezza sociale.

Il piano d'azione deve anche puntare su una prevenzione attiva ed efficace. I giovani "in particolare devono aver accesso all'informazione". Per Burkhalter "una generazione senza Aids" è possibile. È responsabilità della comunità internazionale fare in modo che ciò diventi realtà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS