Gli impegni presi dagli Stati nel 2015 al momento della firma dell'Accordo di Parigi sul clima "non limiterebbero il riscaldamento globale a 1,5 gradi, anche se fossero integrati da aumenti molto impegnativi di riduzioni di emissioni dopo il 2030".

Lo scrivono i ricercatori dell'IPCC, il comitato dell'Onu per il clima, nel rapporto diffuso oggi a Incheon in Corea del Sud.

"Eliminare gli sforamenti e fare affidamento su un futuro dispiegamento su larga scala di tecnologie per la rimozione del carbonio può essere ottenuto solo se le emissioni globali di CO2 cominceranno a calare ben prima del 2030", si legge ancora.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.