Navigation

Onu: Israele-Turchia; Gül ribadisce, vogliamo scuse formali

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2010 - 19:14
(Keystone-ATS)

NEW YORK - La Turchia ribadisce la richiesta di scuse formali da parte di Israele per il blitz contro la flottiglia filo-palestinese del 31 maggio, durante il quale morirono nove cittadini turchi. Abdullah Gül, il presidente della Turchia, ha ripetuto la richiesta durante il suo intervento all'Assemblea Generale dell'Onu, oggi a New York.
"L'attacco delle forze armate di Israele contro il convoglio di aiuti umanitari internazionali (...) ha causato gravi perdite, è un atto inaccettabile, in chiara violazione con il diritto internazionale - ha detto Gül - la Turchia si aspetta scuse formali e una compensazione per le famiglie delle vittime e le persone ferite".
Parlando del conflitto israelo-palestinese, il presidente turco ha detto che "sarà difficile fare progressi verso una pace permanente se non verrà messa una fine alla tragedia umanitaria nella Striscia di Gaza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?