Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - C'è un buco di almeno 26 miliardi di dollari nei fondi promessi dall'Onu per la lotta alla povertà e all'Aids. Lo ha rilevato oggi, con grande preoccupazione, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, durante la conferenza stampa per presentare il summit della prossima settimana sugli "Obiettivi del Millennio", con il prospettato dimezzamento della povertà.
Secondo le stime del Palazzo di Vetro, i Paesi più ricchi del mondo non hanno versato tutti i fondi su cui si erano accordati al vertice G8 di Gleneagles, cinque anni fa. Mancano all'appello circa 26,1 miliardi di dollari: l'impegno era pari a 145,7 miliardi, ma i fondi raccolti sono 119,6 miliardi.
Il segretario generale ha quindi lanciato un appello ai leader che saranno a New York al Vertice della prossima settimana, chiedendo loro di impegnarsi a stanziare, come promesso, lo 0,7% del loro prodotto interno lordo in progetti legati allo sviluppo dei Paesi più poveri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS