Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In un dibattito al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, aperto a tutti membri delle Nazioni Unite, la Svizzera oggi ha chiesto una migliore protezione della popolazione civile in caso di conflitti armati.

"Sicurezza e sviluppo vanno a braccetto e sono la chiave per una pace duratura", ha detto l'ambasciatore aggiunto Thomas Gürber. Egli ha sottolineato che troppo spesso le parti in guerra, forze governative o gruppi armati che siano, non rispettano il diritto umanitario. E le violenze ai danni di civili colpiscono soprattutto donne e bambini, sovente vittime di attacchi a scuole od ospedali.

Secondo la Svizzera nelle questioni umanitarie il Consiglio di Sicurezza deve diventare una forza trainante della lotta contro la cultura dell'impunità e dovrebbe essere aperto ad un dialogo anche con le parti in conflitto non statali.

I colpevoli di violazioni dei diritti umani devono essere deferiti davanti giustizia. Ed è quindi essenziale ottenere informazioni attendibili sulle violazioni dei diritti umani, ha notato Thomas Gürber. E se uno Stato non può o non vuole assolvere al dovere di proteggere la popolazione civile, il Consiglio di sicurezza deve considerare di fare intervenire la Corte penale internazionale.

Gürber ha inoltre parlato dell'importanza e della tempestività dell'azione umanitaria nelle zone di conflitto, cosa che, ha sottolineato, negli ultimi dieci anni si è rivelata in molti casi sempre più difficoltosa. I Siria, ad esempio, data inadeguata protezione degli operatori sul terreno, non è chiaro come possano essere distribuiti gli aiuti umanitari, in particolare nei cosiddetti "settori sotto il controllo dei gruppi di opposizione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS