Navigation

Operazione antiterrorismo: due persone in detenzione preventiva

Operazione antiterrorismo: due persone in detenzione preventiva KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2019 - 15:26
(Keystone-ATS)

Due persone sono finite in detenzione preventiva per legami con organizzazioni terroristiche. L'arresto è scattato dopo le perquisizioni di mercoledì. Uno dei fermati è un cittadino siriano già condannato per violazione della legge che vieta al Qaida e Stato islamico.

La detenzione preventiva, della durata di tre mesi, è stata chiesta dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Il tribunale delle misure coercitive ha approvato la richiesta, ha indicato oggi a Keystone-ATS lo stesso MPC confermando quanto pubblicato dal "Tages-Anzeiger".

Martedì l'MPC aveva condotto undici perquisizioni nei cantoni Zurigo, Berna e Sciaffusa. Undici le persone indagate, fra cui 5 minorenni.

Gli inquirenti federali hanno avviato procedimenti penali nei confronti dei sei imputati maggiorenni, sospettati di partecipazione a un'organizzazione criminale e violazione della "Legge federale che vieta i gruppi «Al-Qaïda» e «Stato islamico» nonché le organizzazioni associate". Secondo l'MPC quattro di loro sono stati fermati, interrogati dalla polizia e poi rilasciati. Gli altri due, come detto, sono in detenzione preventiva.

Per i cinque imputati di meno di 18 anni sono competenti le rispettive magistrature dei minorenni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.