Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il futuro operatore che nascerà dalla fusione tra Orange e Sunrise si batterà con tutte le sue forze contro il leader del settore Swisscom. La nuova entità non si accontenterà di una quota del 40% nel mercato svizzero della telefonia mobile. Lo afferma il futuro presidente della direzione Thomas Sieber.
"La mia missione sarà di conquistare quote di mercato, non gestire l'azienda", ha detto Sieber in un'intervista pubblicata oggi dal "Temps". È tuttavia ancora troppo presto per parlare di cifre, ha aprecisato.
"Finora Sunrise e Orange avevano costi complessivi per cliente tre volte superiori a quelli di Swisscom", ha affermato Sieber. "La fusione ci permetterà di dimezzare i costi per cliente", ha aggiunto. Il futuro presidente ha poi detto che licenziamenti saranno inevitabili, senza fornire cifre.
Sieber non teme l'esame approfondito della Commissione della concorrenza (Comco). "Siamo certi che la fusione sarà accettata perché è nell'interessi dell'industria, della Svizzera e dei nostri clienti. Il mercato diventerà più competitivo", ha detto. La decisione della Comco dovrebbe essere comunicata entro fine aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS