Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La storica sede di Orell Füssli a Zurigo

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

Orell Füssli, gruppo zurighese attivo nell'editoria e nella produzione di banconote, ha aumentato le vendite nel 2016 ma l'utile netto si è ridotto di mezzo milione di franchi, dai 12,8 milioni del 2015 a 12,3 milioni.

Il fatturato del gruppo - riferisce una nota aziendale diramata oggi - è cresciuto del 7% a 299 milioni. L'utile operativo prima della deduzione di interessi e imposte (Ebit) è salito del 5% a 18,5 milioni, cifra che include anche elementi unici negativi per 1,8 milioni.

Nella stampa "securizzata" le vendite hanno raggiunto i 121,2 milioni di franchi con una crescita del 3%, mentre l'Ebit si è mantenuto al livello dell'anno precedente a 17,4 milioni. La produzione è stata conforme al calendario. Nell'aprile 2016 è entrata in circolazione la nuova banconota da 50 franchi, la prima della nuova serie prevista dalla Banca nazionale svizzera, la cui produzione è affidata appunto alla Orell Füssli L'impresa zurighese da oltre 100 anni lavora per la BNS e nell'ambito di questa commessa non ha mancato di avere problemi, con conseguenti partenze di manager.

Orell Füssli, che a fine esercizio occupava 881 salariati in equivalente a tempo pieno, non avanza prospettive per l'anno in corso. L'attuale presidente del consiglio d'amministrazione, Heinrich Fischer, non si ripresenterà per una rielezione all'assemblea generale del 12 maggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS