Navigation

Orologeria: esportazioni ancora in crescita in ottobre

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 13:53
(Keystone-ATS)

BIENNE - Per il decimo mese consecutivo, le esportazioni di orologi svizzeri hanno registrato anche in ottobre una crescita: sono infatti salite a 1,56 miliardi di franchi, il 18% in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. In dieci mesi la progressione ha raggiunto il 20,6% a 12,82 miliardi di franchi, precisa oggi la Federazione orologiera (FH) in una nota.
In particolare, sono stati esportati circa 20,7 milioni di orologi, 3,5 milioni in più dei primi dieci mesi del 2009. Ottobre ha favorito la categoria di orologi il cui prezzo è compreso tra 200 e 500 franchi (prezzo esportazione), che ha segnato una progressione di circa il 40% sia in valore che in numero di pezzi. Gli altri segmenti di prezzi hanno registrato un'evoluzione vicina alla media, leggermente meno marcata per gli orologi sotto i 200 franchi, precisa FH.
Per quanto riguarda i principali mercati, Hong Kong ha continuato a registrare un tasso di crescita sostenuto (+38,1% rispetto ad ottobre 2009). Bene anche gli Stati Uniti con +31,4%. Per quanto riguarda l'Europa, la Francia si è rivelato il mercato più interessante per gli orologi svizzeri (+18,9%), mentre l'Italia ha segnato un netto calo (-20,6%).
Crescita sostenuta ancora una volta per la Cina (+42,6%), mentre quella del Giappone (+18,9%) rispecchia la media. Da notare infine il calo in ottobre per Singapore (-10,6%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?