Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ora in sofferenza, il mercato orologiero cinese dovrebbe stabilizzarsi prossimamente (foto d'archivio)

KEYSTONE/SANDRO CAMPARDO

(sda-ats)

Ora in sofferenza, il mercato orologiero cinese dovrebbe stabilizzarsi prossimamente. A dirlo, in un'intervista al sito Cash.ch (versione elettronica del giornale economico), è il direttore della Federazione orologiera (FH), Jean-Daniel Pasche.

Al momento, l'industria degli orologi elvetica sta soffrendo. In giugno, per il dodicesimo mese di fila, l'export è calato del 16,1%. Il mercato cinese, primo sbocco per gli articoli elvetici, è il principale imputato; solo a Hong Kong le vendite hanno registrato una contrazione del 26,7%.

Tuttavia, nonostante le attuali difficoltà, Pasche è ottimista. In Cina, "la classe media non fa che estendersi e quindi anche il numero di potenziali clienti per i nostri prodotti", ha indicato. Non tutti i marchi saranno in grado di approfittare subito di questa evoluzione. A suo avviso, tuttavia, solo alcune società potrebbero già da quest'anno vivere un incremento degli affari.

In Europa, il mercato è stagnante, anche perché molti acquirenti cinesi hanno evitato di trascorrere le vacanze nel Vecchio continente a causa del terrorismo. Oltre a ciò, secondo il direttore di FH il rafforzamento del franco svizzero sull'euro e sulla sterlina dopo la Brexit non aiuta di certo le esportazioni elvetiche.

In merito ad altri mercati asiatici, secondo Pasche le prospettive sono solide per le vendite in Indonesia, Vietnam e Filippine. Un po' meno ottimista per il mercato indiano, frenato dalla burocrazia e la fiscalità. Questo fenomeno non risparmia nemmeno alcuni stati dell'America latina, come il Brasile, paese caratterizzato da tassi d'imposizione proibitivi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS