Navigation

Orologiai si ribellano a proposta Swissness

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2012 - 13:25
(Keystone-ATS)

I prodotti industriali devono avere diritto al marchio "Swiss Made" solo quando almeno il 60% dei costi di produzione vengono sostenuti in Svizzera. Piccoli e medi orologiai si ribellano alla proposta "Swissness" considerando la soglia troppo elevata, al contrario della Federazione dell'industria orologiera svizzera.

La comunità d'interessi Swiss Made (IG Swiss Made) vede nella proposta una messa in pericolo di migliaia di posti di lavoro così come della qualità dei prodotti meno costosi, ha spiegato l'associazione oggi ai media a Berna. Ad essere svantaggiati sarebbero infatti i piccoli e medi orologiai. "Con una norma simile il settore verrebbe tagliato in due. La nostra parte scomparirebbe", ha dichiarato Ronnie Bernheim, cofondatore della IG Swiss Made.

La proposta avvantaggerebbe i grandi produttori di lusso, perché fabbricano la maggior parte dei prodotti da soli, ha spiegato Bernheim. "Le PMI che importano componenti dall'estero vedrebbero minacciata la propria esistenza".

La Federazione dell'industria orologiera svizzera ha invece chiesto al Consiglio federale di sostenere la proposta. Lo "Swiss Made" sarebbe in questo modo più protetto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?