Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si era rifugiata in casa di parenti, nel 20esimo arrondissement di Parigi, Philomène, la donna che ha fatto inorridire la Francia per aver, con ogni probabilità, sgozzato i suoi tre figli. È stata arrestata, e con lei quelli che la ospitavano.

Il padre, che ha aperto la porta di casa trovandosi di fronte lo scempio dei suoi ragazzi, è sprofondato in uno stato di shock.

È stata una telefonata dal cellulare a tradire Philomène (40 anni), di professione musicista, che da quando la crisi con il marito era esplosa dormiva sempre più spesso a Parigi, lasciando la casa di Dampart, paesino residenziale a una trentina di chilometri da Parigi.

I testimoni parlano di una lite furiosa fra i coniugi, grida nella notte udite un po' da tutti. Poi l'uomo, un medico di 50 anni, avrebbe sbattuto la porta di casa, andandosene a dormire nel suo studio ambulatoriale di otorino. Poco dopo le 7 è tornato, è entrato in casa e ha trovato in un lago di sangue i suoi tre figli di 10, 14 e 16 anni. La moglie era sparita. L'uomo, sopraffatto dall'orrore, è uscito di casa urlando e qualcuno ha chiamato i soccorsi. I due figli minori, una femmina e un maschio, erano già morti, il primogenito era agonizzante ed è spirato nonostante i primi soccorsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS