Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A fine 2015 la popolazione stimata di orsi che vivono in Trentino va da 48 a 54 esemplari. Dei 48 esemplari sicuramente presenti 23 sono adulti (8 maschi e 15 femmine), 14 giovani (10 maschi e 4 femmine) e 11 cuccioli (2 maschi, 2 femmine e 7 indeterminati).

I dati sono contenuti nel 'Rapporto orso 2015', redatto dal Servizio fauna e foreste della Provincia autonoma di Trento nell'ambito del progetto Life Ursus, e presentato questa sera al Museo di Trento.

La popolazione di orsi stimata nel 2015 evidenzia una sostanziale stabilità nell'ultimo triennio, attorno alla cinquantina di esemplari, a fronte invece di una crescita costante dal 2002 al 2012 (+17,3% annuo sulla popolazione minima certa in quel periodo).

Nel 2015 è stata rilevata la presenza di 7 nuove cucciolate, per un totale di 13 cuccioli. Sono 48 le cucciolate accertate ad oggi in Trentino negli ultimi 14 anni, e almeno 101 gli orsi nati. A fine 2015 sono 28 gli orsi morti accertati. Le morti sono da ricondurre a cause naturali in 8 casi, sconosciute in 9 ed antropiche negli altri 11 casi.

Nel 2015 i forestali hanno catturato tre orsi munendoli di radiocollare. Due i casi di investimento stradale (27 gli eventi sinora registrati dal 2002).

Per quanto riguarda gli incontri ravvicinati fra uomo e orso, è stata accertata un'aggressione e due falsi attacchi (carica senza contatto fisico). Il caso più eclatante è stato quello avvenuto il 10 giugno a Cadine quando un uomo fu ripetutamente aggredito da un orso riportando gravi ferite. Attacco che è stato attribuito all'esemplare femmina KJ2, catturato e dotato di radiocollare nell'ottobre scorso.

Nel 2015 sono state inoltrate al Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento 163 denunce di danno attribuibili all'orso e sono stati complessivamente liquidati 65.595 euro per danni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS