Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SEMPACH - Sono sempre più rare le nidiate di ortolani in Svizzera: dei 200 maschi nella metà degli anni '90 ne sono rimasti soltanto sette nel 2009. In Vallese, si vuole ora favorire il ritorno di questa specie di uccelli canterini migliorando il loro habitat. Lo indica oggi in una nota la Stazione ornitologica svizzera di Sempach (LU).
"Gli ortolani sono in via di estinzione in Svizzera", scrive l'osservatorio nel comunicato, precisando che tali pennuti prediligono le zone secche in cui possono nutrirsi di semi e insetti. Negli ultimi 30 anni l'avanzamento del bosco ha condotto a un radicale mutamento di queste aree, minacciando la sopravvivenza degli ortolani.
Ora il canton Vallese - dove vivono le ultime specie di tali uccelli - vuole reagire a questa situazione con un ambizioso progetto che si protrarrà sino al 2013. Intende in particolare reintrodurre campi d'avena sulla piana del Rodano, sfoltire le zone boschive e bruciare la vegetazione troppo fitta. I costi del progetto - sostenuto anche dalla Confederazione e dai comuni interessati - sono stimati a 250'000 franchi, di cui la metà saranno assunti dalla Stazione ornitologica lucernese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS