Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ospedali adottano misure volontarie per la qualità

Gli ospedali e le cliniche svizzere vogliono assicurare con misure volontarie la qualità dei trattamenti. A tale scopo l'organizzazione del settore H+ intende ampliare gli strumenti vigenti. Al contempo respinge l'introduzione di ulteriori leggi della Confederazione.

Per garantire la qualità nei nosocomi non occorre nessuna nuova legge o strutture, ha dichiarato in una conferenza stampa oggi a Berna Charles Favre, presidente di Gli ospedali svizzeri H+. Egli rimanda alla legge sull'assicurazione malattia in vigore dal 1996 dove all'articolo 58 si legge che "... il Consiglio federale può prevedere controlli scientifici e sistematici al fine di garantire la qualità e l'impiego appropriato delle prestazioni coperte dall'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie".

Con il progetto di legge per l'istituzione di un Centro nazionale di controllo il governo aveva raccolto critiche in occasione della consultazione condotta nel 2014. L'esecutivo intende presentare altre proposte prima della pausa estiva, ha detto all'ats Nicole Lamon, portavoce del Dipartimento federale dell'interno (DFI).

H+ non vuole alcun dispendioso intervento da parte della Confederazione. Gli ospedali lavorano di loro iniziativa per migliorare la propria qualità e offrono una informazione trasparente, ha detto Favre.

L'organizzazione auspica che i Cantoni chiedano a tutti gli ospedali che vogliono essere sull'elenco un rapporto pubblico relativo alla qualità delle loro prestazioni. Secondo H+ oggi è il caso per sei cantoni. Altri si limitano a raccomandare la pubblicazione. Nel 2014 un simile rapporto è stato reso noto da circa due terzi dei nosocomi.

H+ contribuisce inoltre alla fondazione "Sicurezza dei pazienti svizzera" ed è membro dell'Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità negli ospedali e nelle cliniche (ANQ). Nel portale http://www.info-ospedali.ch possono essere trovate indicazioni riguardo a tutte le strutture che sono membri attivi di H+. Chi cerca un ospedale per uno specifico intervento può informarsi quale nosocomio effettui tale operazione nelle sue vicinanze. È possibile anche la ricerca di un pronto soccorso.

H+ intende anche estendere a tutti i nosocomi e uniformare un procedimento di Peer-Review ("giudizio da parte dei propri pari") già utilizzato in alcuni di essi. In base ai documenti di pazienti, un team competente insieme ad esperti esterni esaminerà in modo approfondito diagnosi, terapie e trattamento.

Non saranno coinvolti solo i primari e i direttori di cliniche, ma anche medici quadri e infermieri. Dopo una fase pilota in ospedali scelti nella Svizzera tedesca e occidentale, dal 2016 il metodo riconosciuto a livello internazionale dovrebbe essere introdotto in tutto il Paese su base volontaria.

All'adozione del procedimento della associazione tedesca Iniziativa Medicina di Qualità (IQM) partecipano, oltre a H+, la Federazione dei medici svizzeri FMH e l'Associazione svizzera dei direttori dei servizi infermieristici.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.