Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TRIPOLI - Hannibal Gheddafi ha visitato oggi Max Göldi nel carcere di Al-Jadaida a Tripoli, dove l'ostaggio svizzero si trova incarcerato da una settimana.
"Sono contento di questa occasione che mi ha permesso di incontrarla. Spero che la giustizia faccia il suo lavoro e che le cose possano migliorare", ha detto Göldi al figlio del leader libico Muammar Gheddafi, in presenza del suo avvocato e di alcuni giornalisti. Lo svizzero e Hannibal Gheddafi hanno in seguito continuato a conversare a quattr'occhi, in una sala del carcere.
Göldi, che dirigeva la filiale del gruppo elvetico ABB a Tripoli, era stato bloccato in Libia il 19 luglio 2008 con un altro uomo d'affari svizzero, Rachid Hamdani, a seguito del breve arresto a Ginevra di Hannibal Gheddafi e di sua moglie Aline, accusati di aver maltrattato due domestici maghrebini. I libici hanno tuttavia sempre negato un rapporto tra le due vicende.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS