Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il vertice per il rilancio del processo di pace in Medio Oriente, proposto dalla Francia per il 30 maggio a Parigi, sarà "rinviato".

Lo ha annunciato il presidente francese, Francois Hollande, ai microfoni di Europe 1: "John Kerry - ha detto - non può venire il 30 maggio. La riunione si farà in estate".

Il presidente ha ribadito l'importanza del vertice: "la conferenza è necessaria - ha spiegato - poiché non sta succedendo niente. Se la Francia non prende un'iniziativa forte, che cosa accadrà? La colonizzazione, gli attacchi terroristici?".

Il ministro degli Esteri, Jean-Marc Ayrault, si è recato nel fine settimana in Medio Oriente, dove ha incontrato il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, e il presidente palestinese Abu Mazen, per tentare di preparare il terreno a un nuovo processo di pace.

Ma l'impresa sembra arenata in partenza. Israele è chiaramente ostile all'iniziativa francese, giudicando Parigi non sufficientemente imparziale e preferendo "negoziati bilaterali diretti". L'iniziativa era stata invece piuttosto ben accolta da parte palestinese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS