Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) ha raggiunto un'intesa con il Pakistan per la concessione di un prestito di 5,3 miliardi di dollari per salvare dalla bancarotta il Paese asiatico e ridurre l'indebitamento estero. Lo riferisce un comunicato stampa del Fmi.

L'accordo è stato firmato ieri a Islamabad dopo due settimane di intensi negoziati tra una delegazione guidata da Jeffrey Franks e le autorità pachistane. È previsto un finanziamento a un tasso agevolato del 3% da erogare nei prossimi tre anni. L'intesa dovrà ricevere ora l'approvazione dai vertici dell'istituzione finanziaria internazionale che ha sede a Washington.

Parlando ai giornalisti in una conferenza stampa dopo la firma del documento, il ministro delle Finanze Ishaq Dar ha promesso alcune misure per il risanamento, cui una riforma per rendere più efficiente il settore pubblico e un piano di privatizzazioni.

Gli economisti del Fmi chiedono di aumentare le imposte e di ridurre i sussidi statali per l'energia. Nei giorni scorsi, il neo governo di Nawaz Sharif aveva accettato di "eliminare gradualmente le sovvenzioni statali e aumentare le tariffe della corrente elettrica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS