Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È comparso in un tribunale pakistano con l'accusa, tra le altre, di tentato omicidio e minacce alla polizia. Niente di strano, se non fosse che l'imputato era seduto sulle ginocchia del padre, con un biberon: perché aveva nove mesi. L'incredibile storia arriva da Lahore, ed ha fatto il giro dei media internazionali.

Il bambino, Muhammad Mosa Khan, è fra le trenta persone arrestate dalla polizia durante una perquisizione in alcune abitazioni in cui non sarebbe stata pagata la bolletta elettrica. Gli agenti hanno riferito che i sospetti hanno cercato di ucciderli tirando pietre.

Il padre del bambino, anch'egli tra gli imputati, si è difeso sostenendo che il gruppo protestata contro la mancanza di energia elettrica.

Il baby-teppista, a cui erano state persino prese le impronte digitali, è stato rilasciato su cauzione, ed in teoria avrebbe dovuto ripresentarsi in aula il 12 aprile. Ma il primo ministro del Punjab, di cui Lahore è la capitale, appena il caso è esploso sui media ha ordinato la sospensione immediata del funzionario che aveva "incriminato" il bebè.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS