Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ISLAMABAD - Commando armati, presumibilmente di talebani del Pakistan, hanno compiuto oggi nel nord-ovest del paese una serie di sequestri, catturando almeno 60 persone. Lo riferiscono oggi i media ad Islamabad.
Secondo fonti ufficiali, il gruppo più importante di rapiti è formato da 33 dipendenti della Water and Power Development Authority (Wapda) bloccati nella regione tribale della Kurram Agency, alla frontiera con l'Afghanistan.
I lavoratori stavano tornando a casa dopo aver fatto alcune riparazioni nella Kurram Agency, ma sono rimasti vittime di una imboscata. Prima di allontanarsi con il loro bottino umano, si è appreso, i sequestratori hanno appiccato il fuoco ai veicoli a bordo dei quali si trovavano le persone.
Secondo le prime frammentarie notizie sull'operazione fornite dalla polizia, vi sarebbe stato uno scontro a fuoco fra i rapitori e le forze di sicurezza giunte sul posto.
Oltre ai dipendenti della Wapda, nella stessa zona militanti antigovernativi vestiti con uniformi della polizia hanno bloccato numerose altre auto e sequestrato i loro passeggeri.

SDA-ATS