Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il capo dell'esercito pachistano, generale Raheel Sharif (al centro), visita il luogo dell'attentato a Quetta.

Keystone/EPA/FAYYAZ AHMED

(sda-ats)

L'Isis ha rivendicato l'attacco kamikaze contro l'ospedale di Quetta, in Pakistan. Lo riferisce l'agenzia tedesca DPA. Il bilancio è al momento di 66 morti e oltre duecento feriti.

L'azione è stata rivendicata da Jumaat ul Ahrar (JuA), un gruppo che si è separato dai talebani del Tehrik e Taliban Pakistan (Ttp) e ha dichiarato la propria fedeltà all'Isis.

In un comunicato diffuso dalla sua sezione 'media', Jamaat ul Ahrar afferma che questa mattina a Quetta, suoi combattenti hanno, in un primo momento, preso di mira il presidente dell'associazione avvocati. Dopo, quando i legali si sono riuniti per protestare, un attacco suicida ha ucciso numerosi avvocati e funzionari del governo.

"Accettiamo la responsabilità e promettiamo che attacchi di questo tipo continueranno fino all'applicazione della sharia islamica".

Un video dell'attentatore sarà presto diffuso, annuncia la nota.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS