Navigation

Pakistan: ministro esteri, "Haqqani era il cocco della CIA"

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2011 - 13:16
(Keystone-ATS)

Il ministro degli esteri pachistano Hina Rabbani Khar ha detto che "il gruppo armato afghano Haqqani "è stato il cocco della CIA". (ha usato l'espressione 'blue-eyed boy', il ragazzo dagli occhi blu").

In un'intervista oggi alla televisione Al Jazira, ha poi aggiunto che i servizi americani "hanno legami con molte organizzazioni terroristiche nel mondo, intendendo con questo dei rapporti di intelligence".

La Rabbani Khar, che si trova a New York per l'Assemblea Generale dell'ONU, ha respinto seccamente le accuse degli Stati Uniti secondo le quali la rete di Haqqani è il "braccio armato" dei servizi segreti dell'ISI, come affermato dall'ammiraglio Mike Mullen. "È una dichiarazione che non abbiamo per nulla apprezzato. Non ha nessun fondamento e non è stata fornita nessuna prova".

Sulla gravissima crisi, sempre oggi è intervenuto da Islamabad anche il ministro degli Interni, Rehman Malik, che ha accusato di Washington di avere "addestrato a un certo punto" i membri dell'organizzazione guidata dagli Haqqani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?