Navigation

Pakistan: movimenti islamici in piazza, contro alleanza con USA

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2010 - 18:46
(Keystone-ATS)

ISLAMABAD - In Pakistan circa tremila simpatizzanti dei partiti islamici, sotto la sorveglianza di poliziotti armati, sono scesi oggi in piazza a Islamabad per chiedere la fine dell'alleanza del governo con gli Stati Uniti.
"È venuto il momento per i nostri dirigenti e responsabili politici di dire 'basta' all'America. Tutta la nazione dovrebbe fare parte di un movimento che dica 'vattene, America vattene!", recita un proclama del partito estremista islamico Jammat-i-Islami (Ji), che ha promosso la manifestazione e che chiede anche la fine delle operazioni militari contro i talebani e Al Qaida nelle aree tribali vicino al confine afghano.
"Il nostro raduno è per protestare contro l'alleanza del governo (pachistano) contro gli Stati Uniti, contro l'inflazione crescente, la disoccupazione e l'ingiustizia sociale nel nostro Paese", dice ancora Jammat-i-Islami.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.