Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'esercito del Pakistan ha annunciato oggi di aver sferrato, su istruzione del governo, una offensiva "contro terroristi locali e stranieri" nel Waziristan settentrionale denominata 'Zarb-e-Azb’ (che significa in senso biblico "Separare persone leali da quelle sleali").

In una conferenza stampa a Rawalpindi, il direttore generale dell'ufficio stampa dell'esercito (Ispr), generale Asim Bajwa, ha detto che "dai loro nascondigli nel Waziristan questi terroristi hanno scatenato una guerra contro il Pakistan".

Il generale Bajwa ha poi aggiunto che questi terroristi "hanno gravemente turbato la nostra vita nazionale in tutti i suoi aspetti, bloccando la nostra crescita economica e causando enormi perdite in termini di vite umane e proprietà".

Dopo l'attacco portato congiuntamente dai talebani del Tehrek-e-Taliban Pakistan (Ttp) e dai militanti del Movimento islamico dell'Uzbekistan (Imu) una settimana fa contro l'aeroporto di Karachi, con un bilancio di 46 morti, sono ripresi i blitz dei droni controllati dalla Cia sul Waziristan settentrionale.

E anche l'esercito ha compiuto operazioni contro le basi dei militanti nascosti in questo territorio tribale, annunciando ufficialmente nelle ultime ore l'uccisione di decine di essi.

SDA-ATS