Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Scuola pubblica militare di Peshawar (Pakistan nord-occidentale), dove il 16 dicembre scorso un commando di talebani ha massacrato 150 persone, quasi tutti giovani allievi, riapre oggi i battenti, in un clima di angoscia ancora diffusa per la tragedia accaduta. Lo riferisce oggi DawnNews Tv.

Le lezioni riprendono, precisa l'emittente, nel quadro di un accresciuto meccanismo di sicurezza per l'istituto di Peshawar e per gli altri della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, la più esposta, insieme ai territori tribali, all'azione dei talebani.

"Non ho ancora deciso se mandare a scuola l'ultimo figlio che mi è rimasto", ha confessato alla tv Tufail Khattak, il quale ha perso nell'attacco del Tehrek-e-Taliban Pakistan (Ttp) un figlio di 12 anni mentre l'altro di dieci è miracolosamente sopravvissuto. "Mia moglie - ha spiegato - non vuole lasciarlo rientrare in classe perché è ancora sotto shock per la perdita dell'altro figlio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS