Navigation

Pakistan: uccide marito e lo cuoce in spezzatino, arrestata

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 novembre 2011 - 11:20
(Keystone-ATS)

Una casalinga pachistana di 32 anni è stata arrestata dalla polizia mentre stava cuocendo pezzi del cadavere del marito, ucciso per gelosia. Lo riferisce oggi il Daily Times, raccontando i raccapriccianti dettagli della storia, avvenuta in un povero quartiere di Karachi, la più grande metropoli nel sud del Pakistan.

Secondo la ricostruzione della polizia, Zainan Bibi è stata denunciata dai vicini di casa, allarmati per la presenza nell'alloggio di larghe chiazze di sangue. Quando gli agenti sono giunti per un controllo, hanno trovato la donna in cucina insieme a un nipote, intenti a cucinare "uno spezzatino" del marito.

In grosse pentole e contenitori sono stati trovate porzioni di carne umana, mentre il tronco era stipato in un congelatore. La polizia ha trovato anche diversi coltelli usati per uccidere e smembrare il poveretto.

Senza provare alcun rimorso, Zainan ha spiegato ai poliziotti che in quel modo voleva "eliminare" ogni indizio dell'orrendo delitto. Sembra che il marito, Ahmed Abbas, sposato in seconde nozze e di dieci anni più giovane, le avesse detto che voleva lasciarla per un'altra donna.

Secondo altre versioni, l'uomo aveva iniziato a corteggiare la figlia di 18 anni, avuta da una precedente relazione, scatenando la furia della madre. La ragazza è misteriosamente scomparsa e la sparizione era stata denunciata alcuni giorni dalla stessa Zainan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?