Navigation

Pakistan: valanga travolge soldati, recuperati alcuni corpi

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2012 - 11:38
(Keystone-ATS)

È corsa contro il tempo nel ghiacciaio di Siachen, al confine tra Pakistan e India, dove stamani più di 100 soldati pachistani sono stati sepolti da una valanga nella regione contesa del Kashmir. In base a quanto riferisce la BBC online, il portavoce dell'esercito, il generale maggiore, Athar Abbas, ha detto che alcuni corpi sono stati recuperati, ma non ha specificato quanti siano i sopravvissuti.

La valanga ha colpito una base militare vicino al ghiacciaio Siachen, sulle montagne dell'Himalaya, nella regione del Kahsmir, contesa sia da India che dal Pakistan, e dove sono dispiegati migliaia di soldati di entrambi i Paesi. Le operazioni di salvataggio sono tuttora in corso e le condizioni meterologiche sono abbastanza favorevoli.

In base alle prime informazioni, sono almeno 130 i soldati "inghiottiti" dalla valanga che ha colpito la base nel distretto di Gayari. L'esercito afferma che la sua "priorità è quella di salvare vite umane"; elicotteri, cani addestrati e diverse truppe sono state inviate nella zona per aiutare le squadre di soccorso.

In quella zona remota tra l'altro, è particolarmente difficile lanciare una missione di salvataggio. Il maggiore Abbas ha detto che è troppo presto per dire quanti soldati siano riusciti a sopravvivere. Il ghiacciaio di Siachen è noto come il campo di battaglia più alto del mondo e i soldati, indiani e pachistani, sono stati dispiegati ad altitudini fino a 6.700 metri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?