Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pakistan e India hanno deciso oggi di riprendere i negoziati di pace, compreso il dialogo sul nodo del Kashmir.

È quanto emerge da un comunicato reso noto a Islamabad al termine di un incontro tra il consigliere del primo ministro pachistano per gli Affari Esteri Sartaj Aziz e il ministro degli esteri indiano Sushma Swaraj a margine di una conferenza dedicata all'Afghanistan. Il dialogo tra le due nazioni dotate di armamenti atomici si era interrotto dopo le stragi di Mumbai del novembre 2008.

Secondo la nota ufficiale la Swaraj e Aziz hanno deciso di tenere un "dialogo bilaterale comprensivo" che dovrà avvenire secondo modalità e date da definirsi. Tra i temi elencati per i negoziati compaiono il Kashmir, il ghiacciaio militarizzato di Siachen e l'estuario di Sir Creek. Si tratta dei principali punti di controversia tra i due Paesi che hanno combattuto quattro guerre dopo l'indipendenza dal dominio coloniale britannico.

India e Pakistan hanno anche deciso di riprendere i colloqui su misure distensive, come scambi a livello di società civile e turismo religioso. Inoltre Islamabad ha deciso di accelerare il processo contro gli ideatori degli attacchi di Mumbai che appartengono a una organizzazione estremista attiva e ben radicata in Pakistan.

Il disgelo è avvenuto dopo due contatti ad alto livello nelle ultime due settimane. Il primo tra i premier Narendra Modi e Nawaz Sharif a margine della Conferenza sul clima di Parigi. Il secondo, a sorpresa domenica scorsa a Bangkok, tra i responsabili della sicurezza nazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS