Navigation

Panne Swisscom: CEO non esclude conseguenze personali

Il CEO di Swisscom Urs Schaeppi. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2020 - 09:43
(Keystone-ATS)

Il CEO di Swisscom Urs Schaeppi non esclude conseguenze personali dopo i problemi tecnici degli scorsi giorni. È inaccettabile che i numeri d'emergenza smettano di funzionare, ha detto in un'intervista alla "SonntagsZeitung".

Sulle eventuali conseguenze personali prenderà una decisione una volta terminata l'analisi dettagliata degli episodi, ha spiegato. Anche se istintivamente non ha mai pensato alle dimissioni, è cosciente del fatto che il capo di una società è la persona responsabile.

Per i guasti già avvenuti non può fare altro che scusarsi, ha detto ancora, aggiungendo che sta lavorando per applicare le misure necessarie. Anche se i sistemi di sicurezza sono già notevoli, è emersa la necessita di fare ancora di più.

I recenti problemi tecnici sono riconducibili a "una serie di eventi sfortunati" e ad una sbagliata valutazione dei rischi: "Un errore che non può verificarsi", ha affermato Schaeppi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.