Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono quaranta le nuove reclute della Guardia Svizzera pontificia che giureranno questo pomeriggio nel cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico in Vaticano

KEYSTONE/EPA ANSA / OSSERVATORE ROMANO/OSSERVATORE ROMANO / HANDOUT

(sda-ats)

E' durato 27 minuti il colloquio privato, senza interprete, tra il Papa e la presidente della Confederazione Doris Leuthard, ricevuta in udienza in occasione del giuramento delle reclute della Guardia svizzera pontificia, che si svolgerà questo pomeriggio.

L'udienza - riferisce chi ha assistito all'incontro - è stata molto cordiale e familiare: il Papa e Doris Leuthard hanno parlato in italiano e scambiato battute. Nella delegazione elvetica c'era anche la mamma del presidente, con la quale il Papa si è mostrato molto affettuoso.

"E' un piacere conoscerla", ha detto Leuthard al Papa appena questi le è venuto incontro. Finito il colloquio privato, allo scambio dei doni, la consigliera federale ha consegnato al Papa un libro sull'eremita San Nicola e una piantina della rosa "Doris Leuthard", prodotta in suo onore nel 2007.

"Queste cose in genere - ha detto la Leuthard - si donano alle donne, ma io voglio donarla a lei": il Papa è apparso molto soddisfatto. Da parte sua papa Francesco ha donato la medaglia di San Martino che dona il mantello al povero, e copia dei suoi tre documenti, "Amoris laetitia", "Evangelii gaudium" e "Laudato sii".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS