Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NICOSIA (CIPRO) - Papa Benedetto XVI, durante la messa celebrata stasera nella parrocchia di Santa Croce a Nicosia, ha esortato le minoranze cristiane e, soprattutto, i religiosi, a non cedere alla tentazione di emigrare dal Medio Oriente. La loro presenza, ha sottolineato, è un segno di "speranza" per la regione.
"Nei miei pensieri e nelle mie preghiere mi ricordo in modo speciale - ha confessato il Papa - dei molti sacerdoti e religiosi del Medio Oriente che stanno sperimentando in questi momenti una particolare chiamata a conformare le proprie vite al mistero della croce del Signore". "Dove i cristiani sono in minoranza, dove soffrono privazioni a causa delle tensioni etniche e religiose, molte famiglie prendono la decisione di andare via, e anche i pastori sono tentati di fare lo stesso. In situazioni come queste, tuttavia, un sacerdote, una comunità religiosa, una parrocchia che rimane salda e continua a dar testimonianza a Cristo, è un segno straordinario - ha aggiunto - di speranza non solo per i cristiani, ma anche per quanti vivono nella regione".
"La loro sola presenza - ha concluso - è un'espressione eloquente del Vangelo della pace" e "dell'incrollabile impegno della Chiesa al dialogo".

SDA-ATS