Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Papa: appello all'angelus, mai più la guerra

" Mai più la guerra". "Non è mai l'uso della violenza che porta la pace: la guerra chiama guerra, la violenza chiama violenza". Così il Papa all'Angelus, invitando le parti in conflitto in Siria a "non chiudersi nei propri interessi" ma a "intraprendere con coraggio e decisione la via dell'incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione".

"Con particolare fermezza condanno l'uso delle armi chimiche. Quanta sofferenza, quanta devastazione - ha affermato - ha portato e porta l'uso delle armi in quel martoriato paese, specialmente nella popolazione civile e inerme".

Pensiamo - ha detto ancora il Papa - a quanti bambini non potranno vedere la luce del futuro". "Vi dico che ho ancora tristi nella mente e nel cuore le terribili immagini dei giorni scorsi", ha aggiunto.

"C'è un giudizio di Dio che è anche un giudizio della storia sulle nostre azioni, a cui non si può sfuggire", ha aggiunto Francesco. "Una catena di impegno per la pace - ha aggiunto - unisca tutti gli uomini e le donne di buona volontà".

Il papa ha poi annunciato di aver deciso di indire per tutta la Chiesa il 7 settembre prossimo, vigilia della ricorrenza della Natività di Maria regina della pace, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria e nel Medio Oriente e nel mondo intero".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.