Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Tutti noi siamo capaci di fare del bene, ma anche di distruggere quanto Dio ha fatto". Lo ha detto papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa, si legge sul sito di radio Vaticana, soffermandosi sulla prima Lettura che narra del diluvio universale, ha osservato che l'uomo è perfino capace di distruggere la fraternità e da qui nascono guerre e divisioni. Ha duramente condannato quegli "imprenditori di morte" che vendono armi a Paesi in conflitto perché la guerra possa continuare.

"Ma cosa succede nel cuore dell'uomo?", si è chiesto Francesco. Gesù, ha detto, ci ricorda che "dal cuore dell'uomo escono tutte le malvagità". Il nostro "cuore debole", ha proseguito, "è ferito". Imprenditori di morte vendono armi a chi è in guerra. "Ci sono i Paesi che vendono le armi a questo, che è in guerra con questo, e le vendono anche a questo, perché così continui la guerra. Capacità di distruzione. E questo non viene dal vicino: da noi! 'Ogni intimo intento del cuore non era altro che male'. Noi abbiamo questo seme dentro, questa possibilità. Ma abbiamo anche lo Spirito Santo che ci salva, eh! Ma dobbiamo scegliere, nelle piccole cose".

Il Papa ha dunque messo in guardia dalla chiacchiere, da chi sparla del vicino: "anche in parrocchia, nelle associazioni", quando ci sono "gelosie" e "invidie" e magari si va dal parroco a sparlare.

"Questa - ha ammonito - è la malvagità, questa è la capacità di distruggere, che tutti noi abbiamo". A Quaresima preghiamo di non lasciarci ingannare delle seduzioni. "Chiediamo al Signore, oggi, prima di incominciare la Quaresima - ha concluso il Papa - questa grazia: di scegliere bene sempre la strada col suo aiuto e non lasciarci ingannare dalle seduzioni che ci porteranno sulla strada sbagliata".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS