Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le chiacchiere fanno "terrorismo", sono come una "bomba". Se una persona, durante la sua vita, non fa invece altra cosa che riconciliare e pacificare "la si può canonizzare: quella persona è santa".

Lo ha detto il Papa nella omelia a Santa Marta, di cui la Radiovaticana fornisce stralci.

Francesco ha denunciato la "malattia" di "seminare divisione e zizzania", mentre i cristiani sono chiamati "a riconciliare e pacificare, come ha fatto Gesù". E ha invitato a "mordersi la lingua" quando ci viene da dire una cattiveria.

"Quando noi parliamo di pace o di riconciliazione, piccole paci, piccole riconciliazioni - ha detto il pontefice, che commentava il brano della lettera ai Colossesi in cui Gesù è descritto come il riconciliatore - dobbiamo pensare alla grande pace e alla grande riconciliazione" che "ha fatto Gesù. Senza di Lui non è possibile la pace. Senza di Lui non è possibile la riconciliazione". "Il compito nostro", ha sottolineato papa Francesco, in mezzo alle "notizie di guerre, di odio, anche nelle famiglie" - è essere "uomini e donne di pace, uomini e donne di riconciliazione".

"E - ha esortato il pontefice - ci farà bene domandarci: 'Io semino pace? Per esempio, con la mia lingua, semino pace o semino zizzania?'. Quante volte abbiamo sentito dire di una persona: 'Ma ha una lingua di serpente!', perché sempre fa quello che ha fatto il serpente con Adamo ed Eva, ha distrutto la pace. E questo è un male, questa è una malattia nella nostra Chiesa: seminare la divisione, seminare l'odio, seminare non la pace.

"Se una persona, durante la sua vita, - ha commentato papa Bergoglio - non fa altra cosa che riconciliare e pacificare la si può canonizzare: quella persona è santa. Ma dobbiamo crescere in questo, dobbiamo convertirci: mai una parola che sia per dividere, mai, mai una parola che porti guerra, piccole guerre, mai le chiacchiere. Io penso: cosa sono le chiacchiere? Eh, niente, dire una parolina contro un altro o dire una storia: 'Questo ha fatto…'. No! Fare chiacchiere è terrorismo perché quello che chiacchiera è come un terrorista che butta la bomba e se ne va, distrugge: con la lingua distrugge, non fa la pace. Ma è furbo, eh? Non è un terrorista suicida, no, no, lui si custodisce bene".

"Ogni volta che mi viene in bocca di dire una cosa che è seminare zizzania e divisione e sparlare di un altro… - ha suggerito il Papa - Mordersi la lingua! Io vi assicuro, eh? Che se voi fate questo esercizio di mordersi la lingua invece di seminare zizzania, i primi tempi si gonfierà così la lingua, ferita, perché il diavolo ci aiuta a questo perché è il suo lavoro, è il suo mestiere: dividere".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS