Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Papa: cristiani lascino doppia vita, no ad affari sporchi

Monito di Papa Francesco ai cattolici dalla "doppia vita"

KEYSTONE/AP/ANDREW MEDICHINI

(sda-ats)

No ai cattolici dalla "doppia vita", che "vanno a messa" ma non rinunciano ad essere "sporchi negli affari": una cosa che dà "scandalo" e che "distrugge", e contro la quale non bisogna "rimandare la conversione".

Ha usato parole severe papa Francesco, commentando il Vangelo nella messa di oggi a Santa Marta, contro chi "scandalizza i piccoli", cioè i giusti, "quelli che si fidano del Signore", per il quale lo scandalo è sempre "distruzione".

"Ma cosa è lo scandalo? - ha chiesto il Pontefice - Lo scandalo è dire una cosa e farne un'altra; è la doppia vita".

"La doppia vita in tutto - ha spiegato -: io sono molto cattolico, io vado sempre a messa, appartengo a questa associazione e a un'altra; ma la mia vita non è cristiana, non pago il giusto ai miei dipendenti, sfrutto la gente, sono sporco negli affari, faccio riciclaggio del denaro... doppia vita. E tanti cattolici sono così, E questi scandalizzano".

"Quante volte abbiamo sentito - tutti noi, nel quartiere e in altre parti - 'ma per essere cattolico come quello, meglio essere ateo'. E' quello, lo scandalo. Ti distrugge. Ti butta giù. E questo succede tutti i giorni, basta vedere il telegiornale o guardare i giornali. Sui giornali ci sono tanti scandali, e anche c'è la grande pubblicità degli scandali. E con gli scandali si distrugge", ha sottolineato.

Il Papa ha fatto anche l'esempio di una "ditta importante", che era sull'orlo del fallimento. La gente non aveva i soldi per i bisogni quotidiani perché non riceveva lo stipendio. Le autorità volevano evitare uno sciopero giusto, ma che non avrebbe fatto bene e volevano parlare con i vertici della ditta. E il responsabile, un cattolico, stava facendo le vacanze d'inverno su una spiaggia in Medio Oriente e la gente lo ha saputo anche se non è uscito sui giornali. "Questi sono gli scandali", ha rimarcato Francesco.

"Gesù dice, nel Vangelo, su questi che fanno lo scandalo, senza dire la parola scandalo, ma si capisce: 'Ma tu arriverai in Cielo e busserai alla porta e: 'Sono io, Signore!' - 'Ma sì, non ti ricordi? Io andavo in chiesa, ti ero vicino, appartenevo a tale associazione, faccio questo... non ti ricordi di tutte le offerte che ho fatto?' - 'Sì, ricordo. Le offerte, quelle le ricordo: tutte sporche. Tutte rubate ai poveri. Non ti conosco'. Quella sarà la risposta di Gesù a questi scandalosi che fanno la doppia vita".

Questa doppia vita, secondo Francesco, "viene dal seguire le passioni del cuore, i peccati capitali che sono le ferite del peccato originale". Francesco ha invitato dunque a non rimandare la conversione: "A tutti noi, a ognuno di noi, farà bene, oggi, pensare se c'è qualcosa di doppia vita in noi, di apparire giusti, di sembrare buoni credenti, buoni cattolici ma da sotto fare un'altra cosa; se c'è qualcosa di doppia vita, se c'è un'eccessiva fiducia: 'Ma, sì, il Signore mi perdonerà poi tutto, ma io continuo...'". Invece occorre pensare "che il Signore in questo è molto duro", perché "lo scandalo distrugge".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.