Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Papa gesuita rende omaggio all'esperienza delle "reduciones" fondate dei gesuiti in America latina tra Seicento e Settecento.

E rilancia: se è stato possibile allora, perché non è possibile oggi costruire "una società più umana" in cui "tutti abbiano accesso ai beni necessari e nessuno sia escluso?". E ricordate, rimarca, che "fraternità, giustizia e pace sono parole concrete, se sono solo nominalismi, allora non servono".

"Mi vengono in mente - spiega - quelli che fanno discorsi molto eloquenti, con tante parole, poi conosci la persona, capisci che per lui sono solo parole, e pensi: 'che bugiardo'".

"Giustamente il Paraguay - ha detto papa Francesco nel palazzo dello sport, che può ospitare anche 5000 persone - è noto in tutto il mondo per essere stato la terra dove iniziarono le 'Riduzioni', una delle più interessanti esperienze di evangelizzazione e di organizzazione sociale della storia. In esse, - ha commentato - il Vangelo era l'anima e la vita di comunità dove non c'era fame, né disoccupazione, né analfabetismo né oppressione. Questa esperienza storica ci insegna che una società più umana è possibile anche oggi. Quando c'è amore per l'uomo, e volontà di servirlo, è possibile creare le condizioni affinché tutti abbiano accesso a beni necessari, senza che nessuno sia escluso. Bisogna cercare e trovare le soluzioni".

Il Papa - che ha parlato molto a braccio, e prima di intervenire ha ascoltato alcune testimonianze - ha preso le mosse dall'incitamento, anche se "ci sono cose che vano male e situazioni pesanti", a non perdere la speranza, forti del fatto che il Paraguay è un paese giovane, la cui cultura è stata costruita "tutti insieme", insieme "per il bene comune".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS