Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È durato circa 30 minuti il colloquio privato tra papa Francesco e il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) nella Sala della Biblioteca, in Vaticano, alla presenza di un interprete dall'arabo all'italiano. Nel suo primo incontro con papa Bergoglio, Abu Mazen era accompagnato da una delegazione di 13 persone, tra cui due donne, il sindaco di Betlemme e l'ambasciatrice palestinese presso il Quirinale.

Nel corso dell'udienza il presidente palestinese ha invitato papa Francesco a visitare la Terra Santa. "Spero di firmare con questa penna l'accordo di pace con Israele", ha detto poi Abu Mazen ricevendo in dono da papa Francesco la penna di rappresentanza a forma delle colonne tortili del baldacchino di San Pietro.

"Certamente lei ha molte cose da firmare", gli ha detto il Papa mostrandogli il dono, al che Abu Mazen ha espresso la sua speranza di usare la penna per l'accordo con Israele. "Presto, presto", ha quindi commentato il Pontefice.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS