Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sinodo dei vescovi sulla famiglia "è stato faticoso, ma è stato un vero dono di Dio, che porterà sicuramente molto frutto". Lo ha detto il Papa prima di recitare l'Angelus dalla finestra dello studio su piazza San Pietro.

Le famiglie "dei profughi in marcia sulle strade d'Europa, sofferenti, sradicate dalle loro terre, sono state presenti - ha detto ancora il Papa - con noi nel Sinodo, nella nostra preghiera e nei nostri lavori, attraverso la voce di alcuni loro pastori presenti in Assemblea. Queste persone in cerca di dignità, queste famiglie in cerca di pace rimangono ancora con noi, la Chiesa non le abbandona, perché fanno parte del popolo che Dio vuole liberare dalla schiavitù e guidare alla libertà".

Discepoli non fanno prediche

I discepoli di Gesù, anche oggi, specialmente oggi", sono chiamati a "porre l'uomo a contatto con la misericordia compassionevole che salva". Lo ha detto il Papa in mattinata nella messa solenne con cui ha concluso il sinodo sulla famiglia. "Quando il grido dell'umanità diventa ancora più forte, - ha detto - non c'è altra risposta che fare nostre le parole di Gesù e soprattutto imitare il suo cuore. Le situazioni di miseria e di conflitto sono per Dio occasioni di misericordia. Oggi è tempo di misericordia!".

Una "tentazione" che il Papa ha denunciato è "quella di cadere in una fede da tabella. Possiamo - ha detto - camminare con il popolo di Dio, ma abbiamo già la nostra tabella di marcia, dove tutto rientra: sappiamo dove andare e quanto tempo metterci; tutti devono rispettare i nostri ritmi e ogni inconveniente ci disturba. Rischiamo di diventare come quei 'moltì del Vangelo che perdono la pazienza e rimproverano Bartimeo (il cieco guarito da Gesù nel vangelo odierno). Poco prima avevano rimproverato i bambini ora il mendicante cieco: chi dà fastidio o non è all'altezza è da escludere. Gesù invece vuole includere, soprattutto chi è tenuto ai margini e grida a Lui. Costoro, come Bartimeo, hanno fede, perché sapersi bisognosi di salvezza è il miglior modo per incontrare Cristo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS