Navigation

Papa lascia il Messico e va a Cuba

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 marzo 2012 - 18:24
(Keystone-ATS)

Nel lasciare il Messico per dirigersi a Cuba, Benedetto XVI ha detto di partire "colmo di esperienze indimenticabili" per le "tante attenzioni e dimostrazioni di affetto ricevute", ma anche di essere stato "testimone di segni di preoccupazione per diversi aspetti di questo amato Paese", che "continuano a causare tante lacerazioni".

Alla cerimonia di congedo all'aeroporto di Leon-Guanajuato, alla presenza del presidente federale Felipe Calderon, il Papa ha esortato "i cattolici messicani e tutti gli uomini e donne di buona volontà, a non cedere alla mentalità utilitarista, che - ha detto - finisce sempre col sacrificare i più deboli e indifesi".

"Li invito - ha concluso - ad uno sforzo solidale che permetta alla società di rinnovarsi dalle sue fondamenta per realizzare una vita degna, giusta ed in pace per tutti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?