Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NOTTWIL - Nonostante le dispute dirigenziali, il Gruppo svizzero Paraplegici (GSP) ha chiuso il 2009 con un record nella raccolta dei fondi di 70,5 milioni di franchi e conta ora 1 milione e mezzo di membri, ossia quasi il 20% della popolazione svizzera. Lo indica oggi la stessa fondazione in un comunicato.
L'anno scorso il GSP aveva fatto parlare di sé soprattutto a causa della controversa politica dirigenziale portata avanti dall'ex presidente della fondazione, il consigliere agli Stati Bruno Frick (PPD/SZ). Questi aveva lasciato l'incarico nel dicembre scorso, all'apice della contestazione. Il suo successore, Daniel Joggi, intende ora guardare avanti con ottimismo, anche grazie al record registrato nelle donazioni, si legge nella nota.
Nel 2009 il fatturato del gruppo è aumentato del 4,6% a 196,4 milioni di franchi. L'utile operativo (Ebit) si è attestato a 16,2 milioni (rispetto ai 14,8 milioni dell'esercizio precedente)e il risultato netto (senza organizzazioni collegate) pari a 2 milioni di franchi (1,1 milioni).
Per la prima volta GSP dispone oggi di una liquidità netta di circa 31,3 milioni di franchi. Nel 2008 l'indebitamento netto era ancora pari a 17,3 milioni. Il numero dei collaboratori dell'intero gruppo è cresciuto di 66 unità, fissandosi a 1'188.

SDA-ATS