Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno sei sparatorie e tre esplosioni hanno avuto luogo ieri sera a Parigi. L'emittente BFM-TV, che cita fonti di polizia, parla di un bilancio di oltre 60 morti. Una presa d'ostaggi è avvenuta nella sala concerti Bataclan nel XI arrondissement.

Il presidente François Hollande, in diretta tv, ha annunciato lo stato di emergenza in tutto il territorio francese e la chiusura delle frontiere. Hollande ha confermato la morte di "diverse decine" di persone, senza tuttavia precisarne il numero. Il presidente ha inoltre parlato di un assalto delle forze di sicurezza in un sito di Parigi, senza però precisare il luogo.

Ben una quarantina di vittime sarebbe stata provocata da tre esplosioni udite anche attorno allo Stade de France, alla periferia di Parigi, dov'era in corso Francia-Germania. Il presidente Francois Hollande, che assisteva alla partita, è stato portato via dallo stadio e ha organizzato una riunione di emergenza al ministero dell'Interno. Una delle esplosioni è stata provocata da un attentatore suicida, secondo fonti concordanti riprese dai media francesi su Twitter.

In una sparatoria sulla rue de Charonne, nell'XI arrondissement. Dodici persone sono rimaste stese a terra, secondo quanto riferisce I-Télé parlando di vittime. Un testimone ha riferito che l'assalitore ha sparato da un'auto, tre o quattro raffiche e poi alcuni colpi isolati, contro i tavolini all'esterno di un ristorante.

Diverse altre persone sono morte in un ristorante del X arrondissement in una sparatoria a colpi di kalashnikov, nel corso della quale almeno altri sette avventori sono rimasti feriti.

Secondo la radio Europe1, un'altra sparatoria è avvenuta a Les Halles, nel cuore di Parigi.

Nella sala del Bataclan, dove almeno 60 persone erano tenute in ostaggio, una trentina sono fuggite apparentemente liberate dalla polizia. Testimoni della presa di ostaggi hanno parlato di uno dei terroristi che gridava "Allah u Akbar", "Allah è grande".

Un testimone riuscito a fuggire ha detto a CNN Francia che i terroristi "hanno ucciso a freddo molti ostaggi, poi ricaricavano e ne uccidevano altri". "Siamo riusciti a fuggire, c'era sangue dappertutto, hanno tirato con un fucile a pompa sulla folla", ha raccontato un altro a Le Figaro.

Nel teatro che può contenere 1500 persone, la serata aveva fatto registrare il tutto esaurito per un concerto della rock band americana Eagle of the Death Metal.

Intanto a Parigi, è stato attivato il piano "rosso alfa", un piano d'urgenza destinato a portare soccorso in modo coordinato ad un numero elevato di vittime in caso di "attentati multipli".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS