Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La guerra alle automobili dichiarata dal sindaco socialista di Parigi, Anne Hidalgo, non conosce frontiere e prende di mira le vetture anche quando sono ferme: gli automobilisti, rientrando nella capitale dopo le vacanze, hanno infatti avuto la pessima sorpresa di veder schizzare alle stelle il costo del parcheggio, + 180%.

Dopo il fallimento della misura che avrebbe dovuto vietare l'uso dei caminetti a Parigi - grazie al veto della ministra dell'Ecologia, Ségolène Royal - la Hidalgo ha sfidato le ire dei guidatori aumentando le tariffe senza preavviso. Il provvedimento è stato votato in fretta e furia il 17 dicembre e non è stato seguito da nessuna campagna di informazione.

Ormai, chi non è residente in città paga 4 euro all'ora per parcheggiare in strada nella maggior parte degli arrondissement. I parigini, poi, sono stati sanzionati con l'impennata più vistosa dei prezzi, che sono stati triplicati (da 3,25 euro alla settimana per il parcheggio residenziale, agli attuali 9 euro).

Le brutte notizie non sono finite: da inizio gennaio, contrariamente al passato, si paga anche il sabato, si pagherà anche ad agosto e il permesso residenti diventerà a pagamento. Obiettivo dichiarato: racimolare 55 milioni di euro per il Comune. Ma gli automobilisti sono sul piede di guerra.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS