Navigation

Parigi, protesta poliziotti a Bataclan contro accuse razzismo

L'azione si è tenuta in un luogo simbolico. KEYSTONE/EPA/JULIEN DE ROSA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2020 - 19:21
(Keystone-ATS)

Alcuni in divisa altri in borghese, arma di servizio nella fondina, circa 200 poliziotti hanno manifestato posando in silenzio le manette in loro dotazione sul marciapiede davanti al Bataclan, il teatro della strage terroristica del 2015 a Parigi.

La protesta era diretta contro le accuse di violenze e di razzismo nei loro confronti e contro il ministero dell'Interno che, a loro parere, non li sostiene abbastanza. Davanti al teatro, erano diverse decine i furgoni, le moto e le auto della polizia che hanno bloccato la strada.

Il luogo del raduno era stato scelto come simbolo di una fase - gli attentati terroristici della jihad - in cui i poliziotti erano in primo piano nella protezione della cittadinanza.

Nel pomeriggio di oggi, altra manifestazione pro-polizia, stavolta da parte dell'associazione delle mogli dei poliziotti. Erano alcune decine e si sono riunite davanti alla Prefettura per sostenere gli agenti, nel mirino dei social network per accuse di razzismo e di violenza dopo il caso di George Floyd negli Stati Uniti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.